Meno Plugin Possibili

Introduzione

I plugin sono delle aggiunte tecniche di funzionalità del sito, perché abbiamo deciso di ridurli all’osso e stiamo consigliando a tutti i nostri clienti di farlo nei loro siti? Perché l’ecosistema WordPress (su cui è basato il nostro sito e più o meno il 35% dei sii web esistenti) è fantastico, gratis e pieno di funzionalità aggiuntive gratuite ma… si c’è un ma… tutto ciò ha reso la qualità delle risorse più bassa, e il carrozzone è sfuggito di mano al cocchiere.

Perché i plugin di WordPress spesso non funzionano?

Alla nascita di WordPress probabilmente non immaginavano quanta strada avrebbe fatto, da una semplice piattaforma di creazione blog e vero e proprio CMS (sistema per creazione contenuti online).. ne ha fatta di strada! Ma strada facendo è difficile aggiustare il tiro e tenere tutto funzionante e pulito se partecipa chiunque alla festa, essì perché WordPress è gratuito e il suo codice è aperto a tutti.

Essenziale = Pratico

Chiunque ha un sito WordPress sa di cosa sto parlando, quante funzionalità si aggiungono presi dalla tentazione di rendere l’esperienza dell’utente finale indimenticabile? Ma il risultato è un sito che prima o poi non è gestibile e aggiornabile perché se si installano tanti plugin ogni volta che si aggiorna il cuore (WordPress) bisogna verificare che tutti il resto continui a funzionare e incrociare le dita. Alcune funzioni semplici sono facile da controllare ma altre richiedono test incrociati e molta molta pazienza e una buona documentazione di tutto quello che il sito fa o che i suoi utenti possono fare su di esso. Nella maggior parte dei casi di siti web medio-piccoli questo lavoro certosino non viene fatto e il risultato è sito che non funzionano più quando vengono aggiornati o costosi ripristino da backup.

Come rimanere minimalisti?

Per tutte queste ragioni abbiamo deciso di applicare una regola d’ora in poi, al nostro sito come a quelli che andremo a realizzare per i clienti, cioè di installare il minor numero possibile di plugin. Un regola minimalista/essenzialista che ci porterà a chiederci sempre se questa o quella funzione è veramente necessaria. In questo modo il sito rimarrà snello e facilmente aggiornabile, veloce e performante.

Perché bisogna aggiornare spesso un sito WordPress?

Molti degli aggiornamenti di WordPress sono per motivi di sicurezza, vengono scoperte delle falle e gli sviluppatori le sistemano e rilasciano una versione nuova con la soluzione, se non si aggiorna è più facile che degli hacker o semplici malintenzionati o ancora concorrenza sleale possano entrare nel sito e fare danni. Altri aggiornamenti migliorano le performance o aggiungono funzionalità comode di cui non ci dobbiamo preoccupare perché native (quindi funzionanti al meglio). In ultima analisi gli aggiornamenti ti consentono di avere un sito su cui puoi sempre metter mano, se un sito non viene aggiornato o viene fatto in parte, potresti non riuscire più a aggiungerci contenuti, articoli, prodotti o news. Questo ti rallenta e rallenta il tuo business online.

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin

Indice

Fai una domanda su